gestaui.it

Blog

Come pulire denti e gengive con l’idropulsore

Come pulire denti e gengive con l’idropulsore

L’idropulsore è un apparecchio innovativo che ottimizza l’igiene di denti, bocca e gengive contribuendo a diradare le sedute dal dentista in quanto un corretto uso quotidiano allontana il rischio di infezioni orali, carie e accumulo di placca o tartaro. Ciò in quanto rimuove, efficacemente, ogni residuo di cibo fra un dente e l’altro e igienizza perfettamente tutto il cavo orale rimuovendo ogni genere di impurità mediante un potente getto idrico che si sprigiona dai suoi ugelli e va direzionato sui punti strategici di denti e gengive anche dove il comune spazzolino non arriva. Inoltre tutela anche le gengive che tendono ad arrossarsi o a sanguinare aprendo il varco a patologie più o meno gravi, come la piorrea che consiste nel loro progressivo indebolimento e ritiro fino alla perdita del dente sano.

Intervenendo negli spazi interdentali e con un’azione massaggiante sulle gengive, l’idropulsore, in origine usato solo dai dentisti, è ora molto diffuso anche ad uso domestico, particolarmente apprezzato dalle famiglie anche per l’uso da parte dei bambini. Abbiamo capito che l’idropulsore è il massimo per la pulizia orale e dentale, ma come agisce, nello specifico? Come dicevamo, l’idropulsore funziona erogando un getto d’acqua, che può essere mischiata al collutorio per un’azione più incisiva. Facendo leva su una pressione particolarmente forte, l’acqua fuoriesce a schizzo mirato riuscendo a fare piazza pulita di ogni tipo di residuo alimentare o di altro genere presente fra gli interstizi dentali e rimuovendo qualsiasi traccia di placca fra dente e gengiva.

Oltre al solo getto idrico, alcuni modelli funzionano a erogazione mista di acqua e aria, sfruttando una particolare miscela idrica dove sono presenti anche delle micro-particelle di aria filtrate in precedenza. Questo sistema si rivela particolarmente efficace per combattere la placca, il tartaro ed eventuali colonie batteriche. Infine, si può trovare un terzo tipo di idropulsore che, come nel caso degli spazzolini elettrici, è in grado di impostare specifici programmi per azioni personalizzate in soggetti che montano apparecchi ortodontici o soffrono di particolari patologie orali, quali la sensibilità dentale o gengivale. Accorgimenti e consigli utili per la cura dell’apparecchio in questa guida sulla manutenzione degli idropulsori.

admin