gestaui.it

Blog

Citofoni, come scegliere il numero dei canali di comunicazione?

Citofoni, come scegliere il numero dei canali di comunicazione?

I citofoni sul mercato si dividono in modelli di base con interfacce elementari, che non sempre convincono in pieno sulle prestazioni in materia di sicurezza e dispositivi avanzati che alla funzione audio aggiungono anche quella in video e la modalità wireless. Questi ultimi condividono la maggior parte degli optional del sistema audio con altre funzionalità aggiuntive. Alcuni di questi sistemi si connettono al Wi-Fi e ad altri device digitali domestici per consentire anche le chiamate in uscita. Sono i migliori sistemi di citofoni wireless ad uso residenziale, dotati di alta tecnologia compatibili con altri dispositivi ‘intelligenti’ come Alex, Echo, ecc. I migliori in questa categoria sono i Nucleus Anyway Intercom in grado di collegare stanze e dispositivi illimitati e la stazione di videocitofono wireless Optex IVision. L’unico inconveniente di questi dispositivi citofonici audio-video di nuova generazione è il prezzo, che a seconda dei modelli può superare anche i mille euro. Anche in questa categoria si ravvisano delle differenze.

Alcuni sistemi citofonici domestici utilizzano un numero limitato di canali per dialogare, i più semplici hanno un solo canale disponibile per tutte le stazioni, il che sta a significare che l’utilizzatore può conversare con tutte le altre stazioni ma non può effettuare una chiamata privata. Con l’avanzamento della tecnologia, l’opzione più canali è diventata una consuetudine comune a molti citofoni, anche più facili da usare, con cui potersi connettere a tutte le stazioni o singolarmente a una di esse. Questo tipo di citofoni sono buoni per chi ha famiglie numerose, case grandi o per uso ufficio. Chi deve fare chiamate one-to-one con più canali, troverà in questi dispositivi la scelta migliore.

Il device più avanzato conta un massimo di 20 canali. Ciò significa che fino a 20 utenti diversi possono chiamarsi vicendevolmente, ovvio che un’opzione simile è sconsigliata in ambito domestico ed è utile, magari, ad uso lavorativo per mettersi in contatto con l’ufficio o altri luoghi di lavoro. Nei citofoni ad uso domestico, invece, dai  3 ai 7 canali di comunicazione possono bastare, un numero più che sufficiente per poter gestire la comunicazione fra le mura domestiche scegliendo il numero in proporzione alla metratura e al numero o disposizione delle stanze, per poter restare sempre connessi e in grado di interagire con l’interlocutore di turno.

 

admin